HYDRA

 

dvd (foto-cortometraggio) / dvd (photo-short movie)

 

 

 

 

(ENGLISH page)

 

Da un soggetto di Fabrizio Caldarelli, oltre 500 fotografie originali ed esclusive di Gianluca Sordi, a comporre un cortometraggio di circa 16 minuti basato sui generi pulp e barefoot bondage, realizzato non con classiche riprese video bensì con un montaggio fotografico accompagnato dalle musiche dei MIthra e di Fabrizio Caldarelli. Con: Doddo, Ylenia D'Andrea, Sofia Siweka, Cherry Murder, Giulia Ferrauto. Prodotto, diretto e pubblicato da Fabrizio Caldarelli nel 2010.

 

 

Trailer (a bassa risoluzione):

 

 

Contenuti del DVD:

La nostra "civiltà" è sull'orlo dell'autodistruzione. Fazioni contrapposte gareggiano in una dissennata corsa agli armamenti nucleari, governi xenofobi e reazionari soffiano sul fuoco spingendo all'isteria collettiva, il popolo intanto guarda la TV. Il terreno è fertile per il fiorire di nuovi, insoliti, gruppi terroristici. Uno di questi è l'Hydra, un'organizzazione di sole donne, guidata dalla carismatica quanto fantomatica Me-Dea. Questa organizzazione criminale riconosce nella cultura guerrafondaia maschile la causa di tutti i mali, e si pone quindi come obiettivo un rimedio leggermente drastico: l'annientamento dell'altro sesso. Per arrivare a ciò sta intessendo relazioni internazionali finalizzate alla realizzazione dell'arma totale: una bomba al topolonio radioattivo, ottenuta unendo nuove tecnologie eversive provenienti dai quattro angoli del pianeta… e in grado di sterminare solo gli esseri umani con DNA maschile. Ma la rete per attuare quest'insano progetto è troppo ampia: qualche dettaglio è trapelato, e a sventare questo incombente terremoto sociale si muovono ora i Servizi Internazionali Segreti di Massima Allerta (S.I.S.M.A.), il cui agente segreto Doddo (talmente "segreto" che neanche i suoi superiori sospettano quanto sia psicopaticamente incline alla violenza) è ora lanciato sulle tracce delle terroriste. Partendo dalla base egli cercherà di arrivare, senza ovviamente farsi scrupolo alcuno, all'apice dell'organizzazione. Lungo il tragitto assicurerà quindi le singole criminali al S.I.S.M.A. il quale, agendo un po' oltre i limiti del lecito, le destinerà a sua volta sotto massima sorveglianza ai lavori forzati in quel luogo famigerato dove per le prigioniere catturate i diritti umani sono sospesi: Agguantanamo.

Nell'apatica indifferenza generale la violenza è oramai abituale come il raffreddore di stagione, l'empatia i più pensano che sia una malattia esotica, i buoni non si distinguono affatto dai cattivi: questo è il cupo scenario in cui si muove il nostro nervosamente instabile agente segreto

 

 

MISSION #1 (C-Delly) Un informatore ha venduto a Doddo la prima preziosa informazione: una losca tipa avvicina ragazze in ogni dove con discorsi tanto vaghi quanto sospetti, il cui intento sembra palesemente quello di reclutare labili soggette da indottrinare ed inserire nell'organizzazione terroristica. Ma il nostro uomo ha chiuso la rete su quello che sembra oramai con certezza essere il primo anello della catena… Pedinata la criminale fino alla sua isolata abitazione, in una semideserta località balneare, penetra quindi nell'appartamento da una finestra del secondo piano, la sorprende all'uscita della doccia e cerca di estorcerle una subitanea confessione. In cambio riceve solamente una risata di scherno. Il nostro uomo è molto suscettibile, e decide quindi di passare ad un interrogatorio vecchio stile  (che lontano da occhi indiscreti assumerà presto toni assai poco ortodossi…). Sarebbe troppo per chiunque, e la ragazza, nome in codice C-Delly, dice tutto quello che sa: praticamente nulla che il nostro uomo già non sapesse... Lo scorno cala implacabile, per cui, al massimo dell'irritazione, Doddo carica la poveretta in malo modo sull'auto e si dirige verso la vicina costa, per trovarle un passaggio su un'imbarcazione del S.I.S.M.A.: destinazione Agguantanamo. La "merce" arriva piuttosto danneggiata... e Doddo cerca di rivendersi la versione ufficiale della "caduta dalle scale". Il regime di massimo isolamento permetterà alla poveretta di rimettersi un minimo… giusto quanto basterà per ammucchiare qualche tonnellata di rottami metallici sotto lo sguardo infame dei mastini del S.I.S.M.A....

               

MISSION #2 (Olga D-11) Agguantanamo: Doddo si appresta a stilare il suo rapporto dopo aver effettuato la "consegna", ma nota un certo nervoso imbarazzo nella sua segretaria personale, proprio mentre si fa bello con essa della sua ultima prodezza. Quando consulta i messaggi inviatigli dai suoi informatori la sua perplessità circa il comportamento della ragazza si tramuta in stupore: la foto segnaletica della terrorista Olga-D11 appena pervenutagli ritrae la persona che ha davanti proprio in quel momento. L'infiltrata impiega  un nanosecondo a rendersi conto del mal partito e tenta un'improbabile fuga: il nostro Doddo è quasi neutralizzato con un'abile mossa di kung-fu, quando l'intervento di uno degli scagnozzi del centro detentivo pone fine alla contesa. Doddo è alquanto contrariato: l'aver lavorato fianco a fianco con un'infiltrata è un'offesa alla sua professionalità. L'interrogatorio è solo una scocciante, burocratica formalità… oltre che inutile, poiché le terroriste sembrano addestrate a fornire, in primis, la pressoché medesima irritante risposta. In un luogo più appartato Doddo avrà però modo di sfogare il suo maschio senso di frustrazione: sfoderando il suo bambinesco sadismo si accinge ora a punire la sfrontata, i cui lividi passeranno sicuramente inosservati in un ambiente simile. Per la nostra eroina del male il passaggio dalla scrivania ai lavori forzati è quindi quasi istantaneo, e dopo aver spinto, miseramente scalza ed ammaccata, la duecentesima carriola di rottami una crisi di fede la porterà a fornire qualche dettaglio in più circa le future mosse dell'organizzazione terroristica

               

MISSION #3 (Cherry Murder) La povera Olga è stata in grado di tradire solo la compagna di livello immediatamente superiore, e Doddo è ora impegnato a pedinare la scienziata dell'organizzazione, Cherry Murder, di ritorno a casa dopo una giornata di lavoro. Per il nostro agente è uno scherzo introdursi nell'appartamento e cloroformizzare la terrorista. Dopo averla immobilizzata per prepararsi all'interrogatorio di routine, nota gli oggetti che lei aveva appena depositato su di un tavolo: sono alcuni pezzi della bomba al topolonio radioattivo. A quanto pare il tempo stringe. Per fortuna il S.I.S.M.A. lo ha dotato di un nuovo siero della verità da inoculare alle criminali catturate... ma la poveretta ovviamente non è tenuta a saperlo, ed il nostro quindi si intrattiene con lei in un prologo di qualche piccola tortura fuori copione. L'iniezione sdilinquisce quindi la ragazza, che se la canta, ma Doddo non è propriamente soddisfatto. Forse la tipa è più tosta di quanto sembri e non gli ha fornito l'informazione più agognata: una traccia che lo porti dritto alla mente dell'organizzazione. Esce quindi precipitosamente dall'appartamento, come per sbrigare una qualche impellente faccenda, e Cherry, che si stava riprendendo, nota che ha dimenticato lì vicino le chiavi dei ferri che la imprigionano. Riesce a liberarsi: è ancora intontita ma afferra la gravità della situazione e si preoccupa di lanciare un avvertimento a chi di dovere… ma ogni telefono sembra essere sparito dalla sua abitazione. Non vedendo il suo aguzzino negli immediati paraggi si precipita allora alla sua auto, parcheggiata proprio dall'altro lato della strada… Ma Doddo è meno fesso di quanto sembrasse: appostato lì vicino spera ora che la trappola che aveva appena architettato lo conduca all'obiettivo finale

               

MISSION #4 (Me-Dea) L'ancora lievemente stordita Cherry cade come da copione nel tranello di Doddo, il quale, seguitala fino a destinazione, la osserva prendersi una sfuriata via citofono nel momento in cui la poveretta ingenuamente allerta personalmente la persona che il nostro uomo spera essere proprio la mente dell'organizzazione criminale. Il nostro agente in un lampo si intrufola felinamente dietro l'ingenua malcapitata stordendola (stavolta più seriamente) proprio mentre quella stava per varcare la porta appena apertagli dal piano superiore. Doddo trascina Cherry all'interno e l'impacchetta a dovere cercando di far meno rumore possibile, quindi si prepara allo scontro addentrandosi nel labirintico appartamento. La persona che lui è sicuro essere Me-Dea è intenta alle sue cure personali in una sala il cui unico accesso, purtroppo, non permette alcun effetto sorpresa: lo scontro frontale è inevitabile. Doddo viene immediatamente ferito e perde l'arma mentre lei, vedendolo praticamente esanime, scatta fulminea e gli è sopra per finirlo … Riuscirà il nostro psicopatico agente ad uscire vivo da questa spigolosa situazione e ritornare finalmente ai suoi improbabili intimi affetti familiari?... oppure questa sarà la sua nemesi?

               

contenuti Extra:

- EPILOGO: Doddo's dream, ovvero: il riposo del guerriero. Il nostro agente ha un cruccio: il suo mito, James Bond, aveva licenza di uccidere… lui no. Ma nei suoi sogni  le regole (quelle poche rimaste) non esistono…

- S.I.S.M.A. DOSSIERS (schede dei personaggi)

 

 

euro 10

+ spedizione: euro 6

 

acquistando questo dvd assieme al dvd TIMEBONDS o al libro NUT avrete uno sconto di 5 euro sul totale (...e senza spese addizionali di spedizione)

 

 

> compra <

 

 

 

 

 

 

shop